Come cucinare gli Asparagi ed abbinarli alla Pinsa

Sei di fretta? Vai subito al sodo!

L’asparago è una pianta erbacea perenne, rientra negli alimenti di origine vegetale, più precisamente nel gruppo degli ortaggi o delle verdure. Appartengono alla famiglia delle asparagaceae, hanno origine nell’est del bacino del Mediterraneo e nell’Asia Minore.

Perché fanno bene gli asparagi?

Gli asparagi sono un alimento dalle molteplici proprietà, infatti hanno una forte azione depurativa grazie a caratteristiche drenanti e diuretiche che vanno a stimolare la normale funzione epatica e renale. Oltre a questo gli asparagi sono un’importante fonte di antiossidanti che permettono di ridurre il rischio di sviluppare tumori ed altri disturbi neurodegenerativi.

Inoltre le vitamine del gruppo B aiutano il corretto funzionamento del metabolismo ed il potassio presente negli asparagi migliora la salute cardiovascolare.

Quando si mangiano gli asparagi?

La stagione tipica degli asparagi parte da fine Marzo e finisce a Giugno. Gli asparagi sono anche detti turioni, sono germogli che vanno raccolti appena spuntano dal terreno, tendono a diventare legnosi se si ritarda nella raccolta. In caso di coltura forzata il turione risulterà essere bianco al contrario della coltura in un campo dove, grazie alla fotosintesi clorofilliana, tenderà ad essere di colore verde.

Come conservare gli asparagi?

Gli asparagi possono essere conservati in diversi modi:

1 – La prima cosa da non fare è tagliare l’elastico che di solito lega le verdure, in quanto è necessario per poterli tenere in verticale mantenendo la freschezza. Gli asparagi beneficiano di una posizione verticale.

Per poterli conservare al meglio, ti basterà rimuovere un pezzetto del gambo (1cm) ed adagiare gli asparagi in un contenitore di vetro con un po’ d’acqua. Questo permetterà di mantenerli umidi, dopodichè puoi riporli nel frigo.

2 – Nel caso in cui gli asparagi siano già stati cotti, puoi metterli in frigo all’interno di un contenitore ermetico in modo che non prendano aria, questo aiuterà il mantenimento. In questo caso, comunque, andrebbero consumati entro massimo una settimana.

Come pulire gli asparagi?

 

Cucinare gli asparagi in maniera impeccabile richiede alcuni passaggi come la pulitura, che deve essere fatta rigorosamente in acqua fredda stando molto attenti a rimuovere eventuale terra o residui di pesticidi/fertilizzanti.

Sconsigliamo vivamente l’utilizzo dell’acqua calda, onde evitare di rovinarli.

Una volta lavati accuratamente, possiamo prendere un panno carta, adagiarli sopra ed asciugarli tamponandoli delicatamente.

Per cucinare bene gli asparagi, è necessario tener conto anche della loro dimensione. Infatti per quelli esteticamente più sottili non è richiesto alcun particolare intervento ma per quelli maggiormente corposi è indispensabile andare ad eliminare la parte esterna che molto probabilmente potrebbe essersi indurita.

La procedura è relativamente semplice e si differenzia a seconda del colore dell’asparago, i verdi vanno pelati solo nella parte inferiore del gambo, quelli bianchi richiedono che il pelapatate passi dal fondo del gambo fino alla punta.

Come cucinare gli asparagi?

 

Gli asparagi possono essere cucinati in svariati modi:

1 – In padella: ti basterà uno spicchio d’aglio, un po’ di olio EVO e del burro. Una volta fatti scaldare, aggiungiamo gli asparagi scottandoli leggermente. Sfumiamo con del vino e continuando a cucinare a fuoco lento per 10 minuti. Evaporato il liquido, saltiamo a fuoco vivo per qualche secondo.

2 – In forno: prendi una teglia, rivestila con della carta da forno e disponi gli asparagi. Inforna nel forno preriscaldato a 180°C per 15 minuti.

3 – Al vapore: dopo aver lavato bene gli asparagi, riempi con un litro d’acqua una pentola e portala ad ebollizione. Inserisci gli asparagi nel cestello della vaporiera e cuocili per circa 10 minuti.

4 – Lessi: pulisci gli asparagi come abbiamo spiegato precedentemente e versali in una pentola con acqua bollente e salata (ricordati di lasciare fuori le punte). Cuoci per circa 10 minuti a fiamma media, scolateli e falli raffreddare. Condisci con olio e sale.

Inoltre, puoi facilmente abbinarli con la nostra Pinsa grazie a delle ricette facili e velocissime da preparare!

 

Pinsa Asparaghetta

Ricetta Pinsa Asparaghetta

Ingredienti:

 

  • Pinsa Integrale Pinsami
  • Asparagi
  • Straccetti di mozzarella
  • Gamberetti
  • Olio extravergine di oliva
  • Prezzemolo
  • Zeste di limone
  • Pepe

Preparazione:

  1. Preriscalda il forno a 250°C in modalità ventilato.
  2. Distribuisci la crema di asparagi tenendo da parte le punte.
  3. Aggiungi mozzarella, un filo d’olio ed inforna per 5 minuti.
  4. Sforna ed aggiungi le punte di asparagi, i gamberetti saltati in padella, la mozzarella a straccetti, il pepe, il prezzemolo, le zeste di limone ed un filo di olio extravergine d’oliva.

Pinsa con asparagi, mango e mozzarella

Pinsa con asparagi verdi, mango, mozzarella e basilico

Ingredienti:

  • 1 Pinsa classica Pinsami
  • Asparagi verdi
  • Mango
  • 150g di Mozzarella
  • Basilico

Preparazione:

  1. Preriscalda il forno a 250°C in modalità ventilato.
  2. Spadella gli asparagi interi con un filo d’olio, sale e pepe
  3. Pela il mango e taglialo a fettine sottili.
  4. Spezzetta la mozzarella e distribuiscila sulla pinsa, completa con gli asparagi ed il mango a fettine.
  5. Inforna per 5 minuti.

Vuoi ricevere il nuovo

ricettario digitale primaverile?

Iscriviti alla nostra newsletter per riceverlo gratis!

Iscrivendoti dichiari di aver preso visione dell’informativa sulla privacy. Potrai disiscriverti in qualsiasi momento tramite il link presente in ciascuna newsletter.