Domenica di Carnevale: cosa mangiare?

Cosa significa il nome “Carnevale”?

Con il termine “Carnevale”, in latino carnem levare, ovvero privarsi della carne, si indica l’ultimo banchetto ossia quello che avveniva il Martedi Grasso, il giorno prima del Mercoledì delle ceneri.

Cos’è il Carnevale?

Il carnevale è una festa cristiana ma ha origine ancora prima, quando la religione pagana era quella dominante.

Infatti, è possibile trovare riferimenti al carnevale nelle feste dionisiache, dedicate a Dionisio, o alle feste dei saturnali, dedicate a Saturno. L’obiettivo di queste feste era portare ad una maggiore coesione sociale, al punto tale che venivano sospesi i procedimenti penali e lasciati liberi i prigionieri in modo che potessero prendere parte anche loro ai festeggiamenti.

Oltre a questo, durante il periodo di carnevale tutte le gerarchie venivano meno ribaltando l’ordine sociale e dando maggiore spazio a scherzi e giochi. Questo veniva fatto, in senso simbolico, per sottolineare il “rinnovamento della società”.

Quando i festeggiamenti giungevano al termine, tornava l’ordine come in precedenza fino al successivo carnevale.

Le protagoniste principali di questa festa sono le maschere, tradizione nata per deridere i potenti ma non solo, troviamo maschere che rappresentano vizi e tipologie di uomini.

Nelle regioni del nostro Paese è possibile trovare diversi tipi di maschere come ad esempio:

1 – Arlecchino per la bergamasca
2 – Pantalone per il Veneto
3 – Pulcinella per la Campania
4 – Gianduia per il Piemonte

Qual è il Carnevale più importante del mondo?

Probabilmente lo conosciamo tutti ma lo ribadiamo: il carnevale più importante del mondo, ad oggi, è quello che si tiene a Rio de Janeiro, questa festa inizia 40 giorni prima di Pasqua e consiste in 5 giorni no-stop di festeggiamenti.

In questi giorni, si susseguono musiche, danze e parate a ritmo di samba.

Come viene festeggiato nel resto del mondo?

Il carnevale, ovviamente, viene festeggiato anche in tante altre parti del mondo, anche se si tratta di una festa cattolica. Feste dove si possono trovare pietanze uniche, balli ed intrattenimento di vario genere.

A New Orleans, ad esempio, durante il Carnevale viene richiesto di vestirsi con un abbigliamento oro, verde e viola che rappresentano i colori del Mardi Gras. I festeggiamenti durano due settimane nelle quali viene svolta una parata ogni giorno e nella settimana finale, in tutta New Orleans, è possibile ad assistere a piccoli e grandi eventi uno più bello dell’altro.

Il Carnevale di Santa Cruz de Tenerife, famoso quasi quanto quello di Rio de Janeiro, si svolge in tutte le località dell’isola dove è possibile partecipare a concerti, feste e sfilate. Gli eventi più importanti che riscuotono maggiore successo sono quelli di Santa Cruz de Tenerife e Puerto de la Cruz.

Tra le altre grandi feste di Carnevale, troviamo quella di Notting Hill che si svolge dal 1965. Dura 2 giorni e i preparativi si tengono nel mese di Agosto, più precisamente il Lunedi della Bank Holiday e la domenica precedente.

Risulta essere uno dei più grandi Carnevali in strada al mondo, dove è presente una sfilata guidata dai membri della comunità delle indie occidentali londinesi.

Sono presenti molti altri Carnevali in giro per il mondo come ad esempio quello di Colonia, Mazatlàn in Messico e quello dell’isola di Barbados.

Quali ricette preparare a Carnevale con la Pinsa?

Abbiamo realizzato una ricetta che saprà racchiudere in pochi ingredienti, tutta le caratteristiche principali di questa bellissima festa.

Pinsa Coriandoli

Ingredienti:

  • 1 base pinsa Pinsami
  • 100g di ricotta dolce
  • Cioccolatini colorati q.b.
  • Topping al cioccolato
  • Zucchero a velo

Preparazione:

Pinsa Cavolo Viola

Ingredienti:

  • 1 base pinsa Pinsami
  • 100g di formaggio spalmabile
  • 4 fette di pancetta tesa
  • 50g di ricotta
  • Cavolo viola
  • Puntarelle q.b.

Preparazione:

Vuoi ricevere il nuovo

ricettario digitale primaverile?

Iscriviti alla nostra newsletter per riceverlo gratis!

Iscrivendoti dichiari di aver preso visione dell’informativa sulla privacy. Potrai disiscriverti in qualsiasi momento tramite il link presente in ciascuna newsletter.