Differenza tra pizza e pinsa: storia e caratteristiche

Sei di fretta? Vai subito al sodo!

Spesso confuse, a volte accomunate, quasi mai differenziate.
Pinsa e pizza si assomigliano, suonano più o meno uguali e sono entrambe figlie della tradizione italiana eppure basta andare oltre al primo sguardo per capire che ci sono molte differenze tra pizza e pinsa!

La pizza la conosciamo tutti: è il simbolo universale dell’italianità. La pinsa, invece è la sua cugina più moderna e gourmet: un prodotto innovativo e gustosissimo che si trova sempre più spesso sui tavoli di ristoranti e case. 

Ma quindi quali sono le differenze tra pizza e pinsa?

Partiamo dalle origini!

Nonostante si tenda spesso a confondere queste due ricette, la pizza e la pinsa hanno origini diverse.
Se la pizza è napoletana verace, la pinsa è una rivisitazione delle antiche forme di focaccia che venivano fatte dai contadini e cotte su pietra dopo aver steso l’impasto: la stesura, o “Pinsatura”, dal cui verbo latino prende il nome.

Oggi la ricetta è stata rinnovata e perfezionata e si è in fretta diffusa in tutto il Bel Paese.
Ma oltre a un’origine diversa, sono soprattutto gli ingredienti e la preparazione a differenziare pizza e pinsa.

Ingredienti e preparazione

La forma è il primo aspetto da considerare e quello che, a colpo d’occhio, differenzia pizza e pinsa. La pinsa, infatti, ha una forma ovale, a differenza della pizza che è rotonda.

Il vero segreto, però, sta nell’impasto della pinsa che, sia negli ingredienti che nella lavorazione, ha caratteristiche uniche.

Differenze pinsa e pizza

Innanzitutto, l’impasto della pinsa romana viene realizzato con 3 farine differenti: farina di frumento, di soia e di riso. Questa miscela, insieme alla pasta madre essiccata, crea un impasto molto idratato, favorisce una lunga lievitazione, un impasto molto digeribile e contribuisce a rendere la pinsa sempre fragrante.

Oltre agli ingredienti utilizzati nell’impasto, altre differenze tra pizza e pinsa sono:

1 – La lunga lievitazione della pinsa (quella di Pinsami viene fatta lievitare tra le 24 e le 48 ore);

2 – L’alta idratazione dell’impasto (che contiene l’80% di acqua contro il 60% della pizza “standard”);

3 – Le calorie della Pinsa: il mix delle tre farine permette un basso uso di grassi ed evita l’uso di grassi animali.

La lavorazione dell’impasto è anch’essa totalmente differente rispetto a quello della pizza: la stesura “pizzicata” lo rende molto alveolato, quindi la pinsa risulta croccante all’esterno e piacevolmente morbida all’interno. Un’esperienza di gusto molto differente dalla pizza tradizionale che è invece maggiormente uniforme!

Ti sono chiare adesso le differenze tra pizza e pinsa? Molto bene: è il momento di passare dalla teoria alla pratica! La pinsa è molto versatile e sposa un arcobaleno di ingredienti e abbinamenti: perfetta per ogni occasione, dal dolce al salato, dal light al goloso, c’è sempre un nuovo modo di “pinsare”!

ALTRI ARTICOLI DA NON PERDERE ASSOLUTAMENTE!

Vuoi ricevere il nuovo

ricettario digitale invernale?

Iscriviti alla nostra newsletter per riceverlo gratis!

Iscrivendoti dichiari di aver preso visione dell’informativa sulla privacy. Potrai disiscriverti in qualsiasi momento tramite il link presente in ciascuna newsletter.